Caregiver e attività formativa

Il termine “Caregiver” entrato ormai nell’uso comune, si riferisce a tutti i familiari che assistono un loro congiunto ammalato e/o disabile, con demenza senile e morbo di Alzheimer. Il Familiare cosi detto “Caregiver”deve farsi carico costantemente di notevoli momenti di difficoltà, l’impegno è difficile e spesso gravoso  causando forte  stress nella quotidianità. Alcuni comportamenti disfunzionali frequenti possono essere:

  • Attenzione sempre centrata sul proprio caro.
  • Riduzione dei momenti di svago.
  • Sintomi depressivi.
  • Non accettare l’aiuto del prossimo

Studi autorevoli recenti, hanno cercato di valutare se la formazione dei caregivers possa portare benefici alla condizione di stress che spesso vivono. Formazione che si riferisce al rischio di stress ma anche alla sicurezza domestica, all’organizzazione delle attività di cura e sul dare assistenza alle funzioni di vita quotidiana. La valutazione ha consentito di dimostrare come siano significativamente migliorati gli aspetti emotivi  come ansia, insoddisfazione, nervosismo, pessimismo e senso di colpa. I dati mostrano come partecipare ad un adeguato corso di formazione induca una diminuzione del livello di stress del caregiver e migliori il suo stato emotivo così come la relazione con l’assistito.

Per far si che la vita dei famigliari scorra in maniera più serena e longeva occorre rivolgersi a persone sensibili e specializzate.

I commenti sono chiusi.